2018 05 Articolo: Addio a Cesare Sangermani. La nostra video intervista del 2012

From NAUTIPEDIA
Jump to navigationJump to search

https://www.ligurianautica.com/cronaca/addio-cesare-sangermani/32850/

txt:

Addio a Cesare Sangermani. La nostra video intervista del 2012

Dopo Willy Persico, anche Cesare Sangermani ci ha lasciato. Vogliamo ricordarlo con una nostra video intervista 17 maggio 2018 | di Liguria Nautica

Cesare-sangermani-Addio.jpg

In meno di una settimana un altro “grande” della nautica se n’è andato. Dopo Willy Persico, oggi ci ha lasciato Cesare Sangermani, un altro costruttore di barche a vela.

Lo avevamo intervistato al Salone Nautico, a bordo di “Pegasus”, una delle imbarcazioni da lui disegnate e ci aveva raccontato una storia di lavoro e passione lunga più di un secolo e alcuni aneddoti esilaranti (primo su tutti quello relativo a Gianni Agnelli).

Lo chiamavano Cesarino, per distinguerlo dal padre Cesare “Cesarone” Sangermani. Le loro barche, rigorosamente in legno, sono state costruite in collaborazione con famosi designer internazionali come Sparkman & Stephens, Laurent Giles, German Frers, Bruce Farr, Doug Peterson e Ron Holland.

Il Cantiere Sangermani fu fondato verso la fine del 1800 da Ettore, detto “Dorin”, nonno di Cesare (il padre si chiamava anche lui Cesare), in un capannone a Mulinetti, vicino a Recco. Nel 1934 si trasferì a Rapallo e poi, per avere più spazi perché dalla costruzione di piccole derive si era passati a scafi più grandi, nel ’44 la scelta cadde su Riva Trigoso.

Proprio in quell’ anno l’Arcivescovado di Genova commissionò a Sangermani un’imbarcazione a motore di 40 metri per consentire a un gruppo di ebrei di raggiungere il futuro stato di Israele. Nel 1946 avvenne il definitivo trasferimento a Lavagna, nella storica sede di via dei Devoto.