2009 11 Articolo: Sea Cube S43, l'inedito veloce

From NAUTIPEDIA
Jump to navigationJump to search

Riportiamo l'articolo di Giorgia Gessner apparso su Yachtonline tratto da Yacht Capital 2009 11 - Il link http://www.yachtonline.it/boat-review/sea-cube-s-43 non è attivo poichè l'editore ha ritirato o oscurato tutto il materiale pubblicato

testo:

SEA CUBE S43, l'inedito veloce

Sea-cube-s43.jpg«Il nostro obiettivo nel concepire questa barca era quello di offrire al cliente un prodotto di design, multifunzione, affidabile, piacevole nel look e nell’utilizzo». Così Marco De Riso, amministratore delegato del cantiere Sea Cube, descrive il Sea Cube S 43. Si tratta di un open di 13,35 metri diverso dalla maggioranza dei modelli che il mercato offre in questa fascia dimensionale.

Intanto le linee, diritte e spigolose con le finestrature a fascia che includono gli oblò apribili a filo. Poi è ricco di soluzioni inedite. Prima fra tutte quella della zona poppiera dove il consueto prendisole, alzato idraulicamente verso prua, consente l’accesso alla sala macchine, mentre se alzato verso poppa rivela l’alloggio del tender, con la sua gruetta realizzata custom che ne consente il facile varo. Un’altra soluzione interessante è quella della dinette in pozzetto: il divano centrale fronte mare, fisso, serve un tavolo da sei pieghevole longitudinalmente in quattro parti; il divano contrapposto, ruotabile a 90 gradi con la sua spalliera, diventa la seduta doppia per il pilota.

La plancia, compatta e razionale, è al centro e ha sulla sinistra un piano da carteggio che, quando alzato, nasconde un lavello e lo spazio per un eventuale grill. Sempre sulla sinistra, a filo della murata, c’è un frigorifero a cassetti. La parte centrale del pozzetto è coperta da un hard top con lastra vetrata oscurabile, dalla quale si srotolano, con estrema semplicità, due tendalini indipendenti, uno verso prua e uno verso poppa, che consentono di ombreggiare parzialmente o interamente tutto il pozzetto.

«Gli interni sono stati progettati con l’intento di garantire sia l’utilizzo giornaliero sia quello da crociera per cinque ospiti», sottolinea De Riso. Anche qui ci si accorge subito di uno studio non convenzionale: in rovere naturale e legni laccati, con tessuti bianchi, sono inaspettatamente spaziosi e luminosi: subito a sinistra entrando c’è il mobile cucina e a fianco la porta del bagno, con doccia separata e altezza d’uomo. Il quadrato offre due divani contrapposti: quello di dritta è servito da un tavolo inedito che, con un semplice movimento, si alza e raddoppia avvicinandosi al divano e creando in tal modo una zona pranzo all’interno. Il divano è trasformabile in letto singolo mentre quello di fronte può diventare un letto a pullman. Sullo sfondo c’è il grande letto dell’armatore che, per garantirne la privacy, può essere isolato da una porta a soffietto che scompare nella paratia. Il tutto è molto fresco ed elegante, con ottime finiture e contornato da una cornice scenografica di piccoli led.

La motorizzazione si avvale di due compatti motori FPT (Fiat Powertrain) da 560 cavalli dotati di eliche di superficie Jolly Drive che garantiscono velocità assai sostenute. Abbiamo avuto modo di provare il Sea Cube S 46 in Costa Smeralda in una giornata di maestrale teso con onda e abbiamo raggiunto senza sforzo i 46 nodi, pur a pieno carico e con otto passeggeri a bordo, constatando l’assetto ottimale anche in virate strette e la buona silenziosità.

Giorgia Gessner

Tratto da Yacht Capital n. 11/2009