Categoria:Nautics

Da NAUTIPEDIA.

TEMI NAUTICI E MARINI, NAVIGAZIONE, ARMAMENTI, NODI, ARTE MARINARESCA, SEGNALI, GLOSSARIO NAUTICO

Il tutto è iniziato quando l'homo sapiens dalla terra ferma arrivò a mettere un piede in acqua e subito si rese conto che doveva inventare qualcosa per starci sopra e muovercisi. Subito dopo si è reso ancora conto che l'acqua, oltre che alimento, era una parte molto importante del suo mondo, fonte di cibo, mezzo di trasporto, di difesa, di pulizia, di divertimento ecc ecc.

PRIMITIVO SU TRONCO.jpg
Salito a cavalcioni di un tronco imparò che poteva spostarsi, muoversi anche contro corrente prima con una pertica e poi inventando la pagaia e scendere la corrente del fiume governando il tronco con qualcosa che fungeva da timone.Poi legando insieme più tronchi realizzò, primo cantiere navale, una zattera che poteva trasportare persone e cose e che poteva allontanarsi di più dalla riva. Poi scavò il tronco per realizzare la prima piroga, oppure una canoa legando assieme dei giunchi dando origine allo studio sui materiali di costruzione.
Canoa in giunco.jpg

La nautica comincia lì, assieme agli elementi fondamentali, al fuoco, ai primi utensili di schegge di silicio, alla ruota.


L'"homo" continuò a sperimentare e perfezionare nuove tecniche di galleggiamento, di propulsione, di navigazione e trasporto da una palafitta all'altra, da una riva all'altra e a secondo quale parte del mondo abitava, prese sempre più confidenza con fiumi, laghi o mare costruendo galleggianti con vari materiali reperibili e sempre più adatte alle specifiche esigenze, costruite con una prua appuntita e rialzata e una poppa più larga e stabile, la prima imbarcazione.
Arrivò quindi il magico momento in cui acqua e vento rivelarono la loro potenzialità sinergica; le prime testimonianze dell'uso di qualcosa che assomigliava ad una vela sono disegni rinvenuti sulle rocce dell’attuale deserto orientale egiziano e su vasi risalenti a 7000 anni fa, ma è molto probabile che altri popoli fossero, nell'area polinesiana piuttosto che in Cina o in Australia, già molto più avanti.
C'è una lunghissimo e gigantesco buco nella storia dell'umanità (c'è chi dice addirittura di centomila anni) di cui non si sa nulla tranne vaghe supposizioni e leggende (vedi Atlantide) che però darebbe risposte ai molti quesiti e misteri circa l'origine dei popoli, a misteriosi e incomprensibili ritrovamenti e specificità di DNA riscontrate sulle rive opposte dei vari oceani.

Il mare, comunque, ad un certo punto non venne più considerato un limite pericoloso e invalicabile, ma anzi un prezioso elemento e mezzo per la scoperta di nuove terre, per la condivisione e il confronto di culture, per il commercio, la ricchezza e, non per ultima, l'avventura e il Dantesco "virtute e conoscenza". La navigazione comincia lì e genera una infinità di temi scientifici e pratici, dallo studio dei venti e delle correnti all'astronomia, alla metereologia, all'ideazione e costruzione di strumenti per la navigazione, ai rudimentali principi di idrodinamica, alla cantieristica vera e propria, alle vele, agli accessori, alla conservazione dei cibi..... e chi più ne ha più ne metta.


Sottocategorie

Questa categoria contiene le 11 sottocategorie indicate di seguito, su un totale di 11.

A

B

F

M

N

R

R cont.

S

T

Pagine nella categoria "Nautics"

Questa categoria contiene le 2 pagine indicate di seguito, su un totale di 2.